Guida alla Fotografia di Cibo | Scopri come iniziare a fare buonissime foto di food

Stai mangiando fuori nel tuo ristorante preferito, l’atmosfera è perfetta, i camerieri continuano a portare piatti favolosi dalla cucina, le luci soffuse e l’arredamento del locale sono incantevoli. Finalmente arriva il piatto che hai ordinato e prima ancora di assaggiare quella pietanza deliziosa ti fermi per fare una fotografia al cibo che hai nel piatto. Magari pensi anche di condividere la foto nei social per far morire di invidia tutti i tuoi amici. Purtroppo però la foto non viene bene come vorresti. Quei deliziosi spaghetti allo scoglio e il succulento arrosto si trasformano in immagini insipide e poco appetitose.


Guida alla Fotografia di Cibo


Per creare una buona fotografia di cibo che faccia venire l’acquolina in bocca a chi la guarda è necessario utilizzare la giusta luce e creare l’ambientazione migliore per esaltare il piatto. I fotografi di cibo professionisti hanno a disposizione interi scaffali pieni di attrezzatura, sfondi ed accessori che utilizzano per fare immagini deliziose. Inoltre non basta saper cucinare, bisogna anche sapere come preparare il cibo per la fotocamera. Se anche per te fotografare il cibo sta diventando una malattia, ma non hai a disposizione un grande studio fotografico, in questa guida troverai alcuni suggerimenti per iniziare il tuo viaggio nel fantastico mondo della food photography.

bellissima fotografia di cibo piatto di pasta al pesto

Il mito del cibo perfetto nella fotografia di cibo

Come prima cosa sfatiamo alcuni miti che avvolgono la fotografia di cibo. Le immagini di cibo che troviamo in una rivista culinaria, un libro di cucina o una pubblicità di prodotti alimentari sono create ad hoc da una squadra di professionisti. Di solito, per realizzare un servizio fotografico di cibo sono necessari, oltre al fotografo, una stylist di cibo che si occupa di preparare visivamente i piatti e una prop stylist che si occupa degli accessori e di costruire la giusta ambientazione. Durante il processo di preparazione del cibo, le food stylist utilizzano anche prodotti che rendono il cibo tossico e non commestibile. C’è ben poco di commestibile all’interno di un set fotografico professionale. Al posto del ghiaccio vero si usano cubetti di plastica acrilica, i panini sono pieni di stuzzicadenti e le verdure sono coperte di glicerina per farle sembrare più fresche.

fotografia di cibo con ingredienti che volano

Perciò se sei all’inizio non fissarti degli obiettivi irrealistici e non preoccuparti se non riesci a ricreare quell’immagine che hai visto su una nota rivista di cibo. Invece, congratulati con te stesso per essere riuscito a fotografare il cibo senza l’aiuto di nessuno e usando la tua piccola cucina di casa come studio.

Come iniziare a fotografare il cibo

Sicuramente è possibile fare deliziose fotografie di cibo anche senza l’aiuto di una squadra di professionisti e senza rendere tossica la propria cena. Se sei all’inizio, ti consiglio di decidere prima quale stile utilizzerai per fotografare il cibo e quale atmosfera vuoi creare all’interno della foto. Alcuni cibi rendono meglio quando vengono fotografati usando uno stile dark e misterioso mentre altri prediligono uno stile più airy e luminoso. Durante la fase di pianificazione assicurati anche di avere l’attrezzatura, gli accessori di scena e gli ingredienti che ti serviranno per creare le foto. In alcuni casi dovrai lavorare velocemente per evitare che il cibo si deteriori, per esempio il gelato può passare dall’essere fresco e dissetante ad una pozza di acqua colorata nel giro di qualche minuto.

immagine di coltello che taglia arancia

Prima di iniziare a fotografare tutto il cibo che hai in casa dovresti fare qualche ricerca in merito al soggetto che hai scelto di immortalare nei tuoi scatti. Quando devo fare una foto di un alimento raccolgo in una moodboard qualche immagine che mi ispira e che mi ha colpito per la sua originalità o composizione. Se devi acquistare del cibo al supermercato ricordati che non tutti i pezzi di frutta e verdura sono belli da vedere allo stesso modo, quindi assicurati di avere diverse opzioni a disposizione il giorno dello shooting. Considera anche se il piatto deve essere servito caldo o freddo, il vapore caldo può creare un bellissimo effetto se viene usato correttamente.

Creare la giusta ambientazione nelle foto di cibo

Dopo aver deciso quale alimento vuoi fotografare, è giunto il momento di creare l’ambientazione migliore dove posizionare il cibo e di scegliere i giusti oggetti di scena. Di solito, l’ambientazione viene creata basandosi sul tipo di cibo e sul messaggio che si vuole trasmettere. Ad esempio, se stai fotografando un’insalata fresca e leggera è meglio non usare oggetti ed accessori troppo scuri. Quando crei un’immagine di cibo chiediti sempre dove verrebbe normalmente mangiato quel cibo. Nel caso di un’insalata di stagione puoi utilizzare una ciotola, magari in legno, appoggiata su una base in marmo.

deliziosa fotografia food di hamburger su pietra

Invece, se hai deciso di fotografare un hamburger probabilmente non userai una tovaglia in lino bianco, a meno che non sia un hamburger gourmet. Quando sistemi gli accessori all’interno del set fotografico ricordati sempre quale sarà l’angolazione da cui fotograferai il cibo. Per aiutarti nella disposizione degli oggetti ti consiglio di utilizzare le regole di composizione fotografica, in questo modo otterrai delle foto più armoniose e belle da vedere. Scegliere prima gli accessori e l’angolazione da cui fotograferai il cibo ti permetterà anche di decidere quale illuminazione usare (naturale o artificiale) e dove posizionare il cibo rispetto alla luce.

Illuminazione fotografica per foto di food perfette

La luce ideale per iniziare con la fotografia di cibo è sicuramente la luce naturale, questa infatti ha il vantaggio di essere gratis e di donare al cibo un aspetto appetitoso. Se decidi di utilizzare la luce naturale ti consiglio di posizionarti vicino ad una grande finestra magari facendo filtrare la luce attraverso una tenda bianca. Le giornate nuvolose possono essere l’ideale per fotografare il cibo all’esterno, infatti le nuvole creano una luce diffusa ed omogenea. Per migliorare le tue foto di cibo però dovrai imparare anche ad utilizzare flash e softbox per non trovarti sempre in balia dei cambiamenti della luce solare.


Sei appassionato di Fotografia di Cibo? Iscriviti al mio canale Youtube, dove troverai numerosi tutorial fotografici.


I migliori fotografi di cibo sanno come manipolare la luce del flash in modo da ricreare qualsiasi atmosfera desiderino, dalla luce del sole a mezzogiorno alla luce del tramonto. Inoltre, sono in grado di direzionare la luce in modo che arrivi solo in certe parti della foto e di guidare così l’occhio dello spettatore verso il soggetto. Se non hai a disposizione dei flash fotografici, evita di fare foto al cibo usando le luci ad incandescenza che si trovano in casa. Queste luci domestiche creano delle ombre molto nette e possono aggiungere delle sfumature giallognole al cibo rendendolo poco appetitoso.

Il Food Styling nella fotografia di cibo

Quando si tratta di food styling molto spesso vale la regola less is more. Ad esempio, se stai fotografando uno smoothie estivo alle fragole ti consiglio di iniziare scattando qualche foto al frullato da solo nel bicchiere. In seguito, continua a scattare delle foto man mano che aggiungi accessori o ogni volta che modifichi la posizione di qualche elemento. Lo scopo dello styling alimentare è di conferire un aspetto naturale ed appetitoso al cibo esaltandone tutti i punti di forza.

fotografia di smoothie estivo alle fragole

In questo modo, nel caso finissi per esagerare aggiungendo troppi oggetti di scena potrai sempre utilizzare l’immagine precedente. Anche a me è capitato spesso di pensare: “sembrava più invitante qualche ingrediente in meno fa”. Questo processo ti consente anche di osservare in modo meticoloso l’immagine e capire cosa deve essere cambiato o spostato nella composizione finale. Gli oggetti di scena che aggiungo di solito alle mie fotografie di cibo sono: gli ingredienti principali della ricetta, utensili, tovaglioli, fiori e verdure fresche. Sta a te sviluppare il tuo corredo personale di accessori in base alle tue preferenze.

Primi passi per realizzare fotografie di cibo

Quando ti trovi a fotografare il cibo ti consiglio di impostare la macchina fotografica in modalità manuale e di decidere la velocità dell’otturatore, l’apertura del diaframma e le ISO. Se non sai come usare la fotocamera in modalità manuale, su internet trovi numerosi tutorial base sulla fotografia oppure puoi decidere di frequentare un corso di fotografia base nella tua città. Quando fotografi il cibo fai attenzione a non utilizzare una velocità dell’otturatore troppo lenta poiché potresti avere del micro mosso, o ad impostare valori di ISO troppo elevati.

immagine food pattern

Alcuni fotografi professionisti preferiscono scattare a valori di diaframma piuttosto bassi, tra f/2,8 e f/4, in questo modo rendono lo sfondo molto sfocato e attirano l’attenzione dello spettatore sull’area più a fuoco. Sfocare lo sfondo può essere una soluzione efficace per eliminare tutto ciò che distrae. Ricordati però di non ridurre troppo l’area di messa a fuoco, altrimenti l’intero piatto potrebbe risultare sfocato.

immagine commerciale di yogurt greco

Prima di premere il pulsante di scatto considera alcune regole di composizione fotografica, come la regola dei terzi. Immaginati come se nella foto ci fossero quattro linee (due orizzontali e due verticali) che la suddividono in nove sezioni diverse. Posiziona gli elementi più importanti, come il cibo o alcuni accessori, lungo quelle linee o nei punti di intersezione. In questo modo darai maggior importanza ad alcuni elementi rispetto ad altri.

foto per promuovere prodotti alimetari

Dopo aver ottenuto l’immagine che volevi prova ad uscire dalla tua comfort zone, se usi sempre un treppiede prova a scattare a mano libera e viceversa. A volte, cambiando punto di vista potresti trovare una composizione migliore di quella che avevi precedentemente pensato. In questo modo, durante la fase di editing, potrai scegliere fra un’ampia varietà di immagini e avrai anche qualche spunto per il tuo prossimo servizio fotografico food. Come tutti i generi fotografici, la fotografia di cibo richiede molta pratica prima di ottenere dei buoni risultati. Perciò non scoraggiarti quando guardi le foto dei professionisti, mettiti ai fornelli ed inizia a preparare il tuo prossimo set fotografico.

Buon appetito!

Torna in alto